Stampa

Pusiano (CO) 26.07.2010 by Vale88

È difficile dopo un concerto così, ritrovarsi davanti ad un foglio bianco e descrivere a parola quello che si è provato e vissuto per 2 ore….
Di concerti ne ho visti parecchi, di resoconti ne ho fatti tanti ma ogni volta c’è un qualcosa che non so spiegare che rende ogni concerto un ricordo speciale, un sorriso, una canzone, un brivido, e ogni sera è diversa dalle altre anche se vedi più concerti dello stesso tour, ed è quel qualcosa che chi ti dice, “ma vai ancora al concerto? Che senso ha è uguale all’altro?”, non riesce a capire…
E’ bello arrivare e prendere “possesso” della transenna, e ogni volta vedendo il palco vuoto e il cielo imbrunire pensi, “ecco sono di nuovo qua” e non sai che cosa succederà, lo puoi immaginare ma non sarà mai come viverlo, è bello vedere la gente che prende posto, chi si ritrova, chi si saluta e pensare al momento in cui tutto sarà buio, ecco ora si inizia…
..buio, luce, il cuore batte, partono gli applausi e la musica, ecco salire i musicisti, ora ci siamo davvero!!.. tutto sta per iniziare!!
La magia della musica sta avvenendo, per 2 ore esisterai solo tu, la musica e le emozioni che la band sa regalarti, tutto il resto sparisce in un secondo e non importa se è un periodo stressante e stai pezzi, le forze le trovi sempre, e non importa se la gente ti prende per pazza perché vai a vedere sempre i concerti, questa è la mia vita e faccio quello che mi riempe, che mi fa sentire viva, e non importa se sei a 60 metri dal palco, la tua anima è li a pochi cm dal palco e vibra regalandoti un sogno e non importa di niente, questa è la MiA
serata!!
Le prime note e subito si inizia alla grande con “Vivi”, poi i saluti e “L’ ordine naturale”…
Entra la ruota ed esce “Perduto amore”, poi “Nuovo swing”, “L’attore”, di nuovo la ruota ed è la volta di “Ulisse”, seguono “I dubbi dell’amore”, “Primavera a Sarajevo”, la ruota gira e capita “Neve al sole”, poi “Quante vite avrei voluto”, “Il portiere di notte”, e poi sfondamento della transennaaaaaa…
Una cosa che non ho mai capito è come, anche se si è, come stavolta, a 60 metri dal palco, si è attratti da quella luce e in pochi secondi ci si ritrova in prima fila alla transenna, pronti a scatenarci e a battere le mani, ovviamente in Curva Palermo!!
Ci si scatena su “Rock show”, “Ti avrò”, “Poco più di niente”, “Il mare d’ inverno”, “Io conosco il Rock’n’ roll”, presentazione dei musicisti e poi “Quello che le donne non dicono” live è sempre stra favolosa, quando ci guarda cantare, quando ci ringrazia e dice “ci conto!” momenti unici!!! Poi “Polvere”, “Peter pan” e primi saluti, tornano e parte “La ruota” e “La notte delle fate” e poi chiusura in grande, “Contessa” e “Mistero”.
Stupendo l’arrangiamento “in diretta” di Contessa!!
Sembrava che questa serata non dovesse mai arrivare, il 23 non ci sarei potuta essere, poi “grazie” alla pioggia è stato tutto rimandato e da una smorfia triste è spuntato un bel sorriso, 2 giorni prima ho scoperto che “io ci sarei stata!!”
Sarà fortuna o forse un segno del destino o magari niente di tutto questo, però è bello crederci!!!
Finisce così un’altra meravigliosa serata, di quelle che è difficile scordare…
Tra una chiacchierata e l’altra, rispuntano nelle mente tutte le immagini del concerto, le risate, gli sguardi, piccoli dettagli che restanno indelebili, forse piccoli gesti insignificanti ma il solo fatto di aver incrociato lo sguardo del musicista, ti ha reso per quel secondo importante, e quando il cuore batte così per l’emozione, dimenticare è davvero impossibile!!
Dico come sempre solo “GRAZiE” a tutta la band per quello che dopo ogni concerto mi lasciano dentro, è un’unica parola che racchiude mille emozioni che vorrei spiegare ma che non so descrivere, ma forse sono fatte solo per essere vissute e non raccontate!!!

Valentina (nick forum Vale88)



ArtCreativeFace Like Button Module