Stampa
PDF

Mortara (pv) 24.09.2011 by Mairold

Il mio concerto – Mortara (pv) 24.09.2011 by Mairold

Mi sa che siamo arrivati in fondo. In fondo a questo bellissimo Tour 2011 che ha regalato secondo me una buona scaletta, una delle migliori per varietà e per miscellanea di pezzi.

Rotta verso Mortara, paesino collocato tra Vercelli, Novara e Pavia. Una piazza strana ci accoglie: tutto è storto. Talmente tutto storto che sono portato a chiedermi se quello storto sono io. Il palco è obliquo in un angolo, le seggiole posizionate in obliquo…insomma, si rischia il torcicollo se si è nella posizione sbagliata.

Dopo un po’ di attesa e con un servizio d’ordine degno di un G8, ci si accomoda. I muri intorno al palco fanno sembrare la cosa molto claustrofobica: palazzi, case, tutto è molto compresso ma alle nostre spalle svetta un palazzo molto alto che è anche piacevole vedere, illuminato dalle luci colorate del palco.

Enrico è anche lui un po’ stupito per la location, talmente stupito che “sbaglia” una frase del “Portiere di Notte”, ma tutto passa, va bene così. I più nemmeno si sono accorti, ma quelli più attenti sì: ci si guarda in faccia stupiti e si sorride. Na chi se ne importa, l’abbiamo sentita 100 volte giusta e anche se una frase è invertita…

Non si può stare seduti a Volti perduti ad una distanza di circa 15-20 metri dal palco…in quinta fila e poi quando “hai levato le mani ad un cielo che non si ricorda chi eri…” come caspita fai ad alzare le braccia senza che quello dietro protesti che non vede? Infatti avevo una signora di fianco che parlava tra sé e sé, inveendo con quello davanti proprio perché batteva le mani in alto: “Mi capisi mia ul parchè vùn dev venì chi a vidè la mùsica cui brasc alzàa” che traducendo letteralmente dal dialetto significa: “Io non capisco perché uno deve venire a vedere la musica con le braccia alzate” e cercava sostegno dall’amica signora accanto.Poi ha capito che eravamo parte di un gruppetto di “aficionados” (che non è dialetto ma spagnolo) e quindi ci ha guardati quasi con ammirazione.“A

lla Balalajka partiamo, ok?” – “Va bene…tutti però! Se no la security ci smonta ad uno ad uno se non partiamo compatti”. Beh, le strade del cuore ci hanno fatto partire con una canzone d’anticipo: “Se una mattina io, mi accorgessi che con l’alba sei partita…”. Beh…questa è una sera d’autunno e noi stiamo arrivando da te Enrico, stiamo arrivando sotto il palco, sfruttando il cenno di complicità di Enrico e di Palermo.

Ora ci siamo, tutti là sotto e inizia un altro concerto: più vissuto, più partecipe, più vivo e davvero ogni suo respiro “lo sento e lo vivo”, per esser parte integrante della serata e del concerto. Non ti accorgi di nulla, tutto sfila via veloce, una dopo l’altra le pagine musicali si voltano fintanto che capisci che ormai siamo quasi in fondo. Qui si mescolano i miei stati d’animo: non capisco se diventare improvvisamente triste perchè capisco che è l’ultimo concerto che vedrò della tournèe oppure dare ancora tutto ciò che ho dentro e vivere al massimo queste ultime 5-6 canzoni. Opto per la seconda ipotesi.

La notte delle fate, La Donna Vera, Peter Pan, Vivo da Re, Contessa e Mistero: ho ancora queste da godere, da vivere. Ho ancora 6 cartucce da sparare prima di salutare e ringraziare Enrico e la band idealmente per una serie magnifica di concerti.

Poi arrivi davvero alla fine. Penso che ora dovrò attendere qualche mese prima di poter riassaporare l’attesa di un concerto, ma è bello anche così perché ho la certezza che Enrico e la band sono sempre su quel palco che attendono il pubblico, che attendono nuovamente di suonare e di cantare. Penso che con queste ultime 6 catucce che ho “sparato” mi sono liberato di pensieri e di problemi che avevo dentro e mi sono ricaricato, pronto per affrontare il viaggio di ritorno a casa e reimmergemi nei giorni prossimi nei problemi del lavoro e della quotidianità, con una carica in più, con un qualcosa in più che ti rimane dentro.

Grazie Enrico, grazie band, grazie staff, grazie davvero!

Massimo (nick forum Mairold)



Il Nuovo Disco!

compra il disco su i-Tunes

compra il disco su Google Play

compra il disco su Amazon

compra il disco su TIMmusic

acolta su Spotify

scolta su Deezer

Twitter

Seguici su FB