Stampa
PDF

Segrate 10.09.2011 by Vale

IL MIO CONCERTO - Segrate 10.09.2001 by Valentina

Ultimamente mi pongo troppe domande (che forse non dovrei farmi!) e a cui non so dare una risposta precisa…
-Perché quel palco mi “cattura” così nel profondo?
- Perché non mi stanco mai di vedere concerti? Anzi più ne vedo e più ho voglia di tornare sotto quel palco…
- Perché in quelle due ore chiudo con il mondo reale e vivo un sogno?
Eh, perché….. bella domanda!
Pensando e ripensando forse ho trovato una risposta, non so se sia quella giusta, (sempre che questa ci sia!) ma ha tutte le caratteristiche per esserlo!
Ho capito che quel palco è una calamita, li sopra accade uno spettacolo che è impossibile non guardare e io non posso farne a meno. Quel palco rappresenta tutto in quelle due ore e anche nei giorni successivi, ti scombussola l’esistenza.
Ho capito che è tutto così straordinario perché l’attesa e quei momenti di emozione e delirio sono vissuti con persone che piano piano ho conosciuto e che condividono questo sogno e che alcune fanno ormai parte della mia vita anche se purtroppo diversi km ci dividono.
Ho capito che non mi posso stancare di vedere concerti, perché sono vita, adrenalina pura, una carica per affrontare i giorni della vita reale, sono quella motivazione che ti spinge a fare le cose pensando che prima o poi quella data arriverà.
Ho capito che non voglio smettere di sognare, forse non ne sono neanche capace….
L’altra sera ho fatto un sogno, uno di quei sogni che quando ti svegli ti batte il cuore, come se l’avessi vissuto veramente. Ora ve lo racconto:
Ero a Segrate, vicino a casa, in un bel parco con tante giostre e bancarelle e in un angolo c’era un palco.
Ho subito pensato che assomigliava al “mio” palco, a quello che mi fa emozionare, ridere, piangere, urlare e mi avvicino.
Li incontro delle persone, degli amici e tutti insieme aspettiamo l’arrivo dei protagonisti della serata…
Iniziano ad arrivare macchine ed ecco i musicisti, finalmente!
A breve sarebbero iniziate le prove, avremmo iniziato a respirare e a vivere questa magia…
Ecco le prime note e il cuore in gola, “volti perduti in cittàààààà”……
Il sole inizia a scendere, la piazza si svuota in cerca di qualcosa da mangiare, l’attesa sembra sempre non passare mai e invece tra risate, foto, panini e saluti vari arrivarono le 21.
Inizio a sentirmi strana, leggera, mi guardo intorno aspettando che qualcosa di meraviglioso avvenga.
Ecco le luci, le prime note, tutto sta iniziando! Il pubblico è caldo e la band è carica…
La scaletta corre veloce e vorresti fermare il tempo, rallentare il crescere di quell’emozione ma purtroppo non si può e quindi fermi quegli attimi in delle foto…
Un crescendo verso i bis che toglie il fiato e si salta e si canta tutti insieme….davvero da brividi!!!
Purtroppo poi le note finiscono, i musicisti posano gli strumenti e salutano, stringi le mani e sorridi, vorresti dire tante cose, ringraziarli per quello che ti hanno fatto vivere e per le emozioni che ti hanno regalato, ma esce un solo un “grazie”, detto quasi sottovoce perché hai urlato così tanto che non ne hai più….
Le luci si spengono e il palco viene smontato, la gente saluta e va via, le macchine si mettono in moto e ti senti piena, felice ma allo stesso tempo incredula e sconvolta da quello che ti è appena successo.
…………..e poi mi sono svegliata!
GRAZIE  a tutti!


Valentina (nick forum Vale88)



Il Nuovo Disco!

compra il disco su i-Tunes

compra il disco su Google Play

compra il disco su Amazon

compra il disco su TIMmusic

acolta su Spotify

scolta su Deezer

Twitter

Seguici su FB