Stampa
PDF

25.8.2012 Laigueglia (SV) by Giulia

 

Avete presente quelle giornate e serate che si aspettano da così tanto tempo che, quando arrivano, quasi non riuscite a crederci che tutta quell’attesa sia già passata?

Avete presente quando il cuore batte così forte mentre si aspetta di rivedere e riabbracciare dopo tanto tempo persone che abitano lontano, a cui vuoi un bene dell’anima?

Queste e tante altre emozioni mi hanno accompagnato in questa giornata.

Ce l’abbiamo fatta: finalmente ci siamo ritrovati tutti insieme, tutti lì uniti dalla sua Musica, tutti lì per vivere un concerto che abbiamo immaginato e sognato per così tanto tempo.

 

“Chiama quella voce dal microfono, è vicina molto più di quanto tu potrai pensare.”

Arriviamo in piazza, qualche minuto di attesa ed eccoli sul palco per le prove: sì, ci sono proprio tutti e sì, anche noi ci siamo, insieme.

Sguardo verso quel palco ed ecco che arrivano i primi saluti di Enrico, Marco, Paolo, Francesco, Fabrizio e Luigi.

Finite le prove c’è il tempo per una chiacchierata e per sorrisi e battute con la band.

Qualche “Ci vediamo dopo” e si torna al posto, continuando a guardare quasi ossessivamente l’ora su vari orologi e cellulari, nella speranza forse di venire a sapere che il mio orologio si fosse fermato e che magari fossero già le nove di sera.

Invece no, come sempre il mio orologio funziona alla perfezione; ma l’attesa con così tanti “amici di transenna” trascorre tra chiacchiere, foto e associazioni tra qualche nickname del forum e persone nuove.

 

“Ci sarò, prima del temporale riuscirò a rimanere qui con te.”

Finalmente l’attesa finisce e pian piano ecco che ritornano sul palco: Marco, Francesco, Luigi, Paolo, Fabrizio ed Enrico.

Si inizia con “Cercami cercami”, ed è già molto difficile rimanere incollati alla sedia: vorrei già essere là davanti a quel palco, ma si deve aspettare ancora un po’.

I brani proseguono uno dopo l’altro, ma ecco che il mio sguardo va su Luigi e la sua chitarra: c’è qualcosa che non va, non suona più.

Ecco che improvvisamente cominciano tuoni e lampi. Ma no dai, andrà tutto bene, non può succedere questa sera, non così.

Ed invece succede: una goccia, poi altre due, la gente si alza e scappa ma noi capiamo che è questo il momento giusto; che se non andiamo ora davanti al palco non ce ne sarà l’occasione dopo.

Ed eccoci lì, braccia appoggiate al palco, la pioggia si fa sempre più insistente ma noi balliamo, saltiamo e cantiamo con loro e per loro che sono lì sul palco.

Arrivano sorrisi meravigliati da questa nostra tenacia, ma purtroppo la pioggia non si ferma e diventa così forte al punto di non riuscire a vedere ad un palmo dal naso.

Risultato: completamente bagnati dalla testa ai piedi.

Non bastano gli sguardi, abbracci e le parole rassicuranti di alcuni componenti della band: il concerto è finito, la tristezza è tanta e qualche lacrima scende. Perché avevamo organizzato tutto nei minimi dettagli per questa serata, perché c’erano persone che non vedevano un concerto da tanto tempo, e tanti altri motivi.

Ormai è inutile stare lì, è meglio tornare in agriturismo: qualche abbraccio, un sorriso e “Dai, sarà per la prossima. Fa la brava, a presto”.

 

Le nostre facce parlano chiaro, ma in fondo la tristezza viene scacciata con un unico pensiero: quel raduno che avevamo in mente siamo riusciti a farlo, siamo tutti qui insieme, ci siamo rivisti, abbiamo vissuto quest’avventura che, di sicuro, non si dimentica facilmente.

Ci saranno altre occasioni per ritrovarci sotto al vostro palco, per vivere un intero concerto con voi.

Per cui, anche questa volta, c’è solo una cosa da dire: grazie Enrico, Paolo, Marco, Francesco, Fabrizio, Luigi.

Noi vi aspettiamo, come sempre.

 

Giulia (nick Forum Giugi_1990)



 

Il Nuovo Disco!

compra il disco su i-Tunes

compra il disco su Google Play

compra il disco su Amazon

compra il disco su TIMmusic

acolta su Spotify

scolta su Deezer

Twitter

Seguici su FB